La vicenda di questo libro ha inizio con i due piccoli protagonisti affacciati alla finestra per guardar fuori, un gesto che spesso si compie in maniera distratta ma che in realtà può riservare grandi quanto inattesi colpi di scena…



Guarda fuori (per davvero!)

I passatempi che offre una finestra sono innumerevoli, ma se non vi siete mai cimentati in questo genere di attività ricreative forse avrete bisogno di qualche suggerimento per partire. Si tratta ovviamente di giochi di osservazione, diversi a seconda delle situazioni in cui vi trovate, del contesto in cui vivete e soprattutto dell’immaginazione di cui disponete.

 

Se siete in compagnia e vi piacciono le sfide, ad esempio, potrete cominciare indovinando il colore dell’automobile in procinto di sfrecciare lungo la strada, l’identità del passante in arrivo sulle strisce pedonali e così via, in una serie di varianti pressoché infinita.

 



 

Per chi abita di fronte a una bella distesa di prati in campagna, può essere divertente trovare una corrispondenza tra la forma delle nuvole e quella degli animali…

 



 

… mentre per chi vive in piena città si tratterà di contare le luci nel palazzo di fronte, i lampioni, le insegne dei negozi o le luminarie natalizie disseminate per il quartiere (anche quelle fuori stagione!).

 



 

Se poi il vostro palazzo si affaccia su un altro palazzo non è certo il caso di disperare: a sbarrare l’orizzonte potrebbe esserci qualcuno di interessante e non sareste certo i primi ad instaurare una bella amicizia proprio…



 

… da finestra a finestra!


Guarda fuori (per finta!)

Appurato che le finestre costituiscono davvero un ottimo pretesto per divertirsi, trascorrere il tempo e fantasticare da soli o in compagnia, è altrettanto vero che non sempre se ne possiede una a portata di mano.
Se volete allora risolvere la questione e avere una via di fuga sempre pronta, non resta che costruirvela da soli, con tanto del panorama che più vi aggrada.

 

1) Stampate la finestra in Pdf (o disegnatela voi!);
2) Incidetela lungo i bordi facendo attenzione a lasciare intatti i due lati alle estremità;
3) Piegate le parti tagliate a ricreare le ante;

 



 

4) Su un altro foglio disegnate uno scorcio suggestivo (più o meno probabile!);
5) Incollate quindi la vostra finestra sul disegno, ed ecco fatto: potrete sfoderarla in qualsiasi momento, aprire le imposte e mostrare a chi volete il vostro angolo di mondo preferito, tenendo presente che una finestra può davvero essere un regalo alquanto originale!

 



Guarda fuori (di nuovo!)

La storia di Guarda fuori è fatta di sequenze alternate che scandiscono la narrazione con un preciso ritmo campo-controcampo, rendendola molto semplice da seguire. Perché non sfruttare questa caratteristica per dar vita a nuove vicende? A partire da tre tavole raffiguranti le principali espressioni dei protagonisti provate a immaginare cosa sta succedendo al di là del vetro.

 



 

Disegnatelo poi sul paesaggio innevato mantenendo l’alternanza dentro/fuori come filo conduttore del racconto. Piegando le pagine e rilegandole come preferite si ottiene un vero e proprio libretto da sfogliare, che è possibile arricchire con ulteriori varianti (l’ordine delle espressioni non è vincolante e le tavole sono replicabili in funzione del ritmo narrativo).

 



Quale avventura potrà aver luogo là fuori?



 

 

Se volete condividere con noi la vostra personale interpretazione di Guarda fuori scriveteci a info@minibombo.it o addirittura speditela a minibombo c/o TIWI, via Emilia San Pietro, 25 42121 Reggio Emilia… chissà che non ne venga fuori un versione di successo!





Leggi la scheda del libro


Chiudi